--

ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI ALL’ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI BARI, PER LA DISCUSSIONE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2021

|

IMG-8295

Si è tenuta oggi presso la Sede della ANMG di Bari, nella splendida cornice della Sala Conferenze della ‘Casa del Mutilato’ (1925-40) progettata dall’Architetto Pietro Favia, l’Assemblea degli iscritti all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Bari, per la discussione sul bilancio di previsione 2021. L’occasione è servita non soltanto per esporre l’attività svolta dal nuovo Consiglio a un semestre dall’insediamento ma, soprattutto, per tracciare le principali direttrici di lavoro delle nuove Commissioni e Gruppi di Lavoro coordinate/i dai Consiglieri delegati, che vedono la partecipazione di tantissimi Colleghi e Colleghe. Lo spazio progettato dall’Arch. Favia, particolarmente suggestivo e perfettamente conservato, ha confermato l’importanza e l’impegno dell’Ordine APPC per una forte azione rivolta alla tutela e valorizzazione delle Architetture del ‘900, specie quelle non soggette a specifici provvedimenti di tutela architettonica, che potrebbero contribuire alla rinascita culturale post-pandemica del capoluogo di Regione, attraverso l’inserimento di questo Luogo in un percorso più ampio storico-artistico e museale debitamente ideato. Alla fine dell’assemblea il bilancio di previsione 2021 è stato approvato senza alcun voto contrario, con soli tre astenuti.

In Primo Piano

notizie, eventi, comunicati

Attuazione Zes Adriatica, una storica opportunità di sviluppo

Molfetta, 2 dicembre 2022. Auditorium Regina Pacis

Festa dell’Architetto 2022: il 16 dicembre a Roma

“Il contrasto al cambiamento climatico e la cura dei territori” tema di quest’anno. Conferiti i Premi “Architetto/a Italiano/a” e “Giovane Talento dell’Architettura Italiana”.

SUPERBONUS: per la RPT i continui cambi di regole rischiano di uccidere un provvedimento fondamentale per il Paese

I professionisti tecnici stigmatizzano le recenti ulteriori modifiche del Governo ai bonus edilizi